Come trattare la prostatite negli Stati Uniti: i metodi utilizzati in America

La prostatite cronica, chiamata sempre più sindrome cronica da dolore pelvico, è uno dei maggiori problemi di urologia. Sintomi prolungati, ricorrenti e irritanti nel tratto urinario inferiore con questa malattia possono ridurre la qualità della vita degli uomini più che con l’ipertrofia prostatica benigna.

I sintomi della prostatite possono verificarsi a qualsiasi età, tuttavia, il gruppo principale di pazienti che riferiscono questo disturbo all’urologo sono gli uomini. Da 20 a 40 anni. Queste sono persone che hanno un lavoro stressante e una vita sessuale non regolamentata.

L’infiammazione della ghiandola prostatica può interessare fino al 15% di tutti gli uomini che hanno bisogno di cure per diversi anni e con poche possibilità di guarigione. Se questo trattamento viene effettuato negli Stati Uniti, la probabilità di liberarsi della patologia aumenta significativamente.

Si presume che le cause dell’infiammazione della prostata possano essere molte e non tutte sono state studiate finora. Nel caso dell’infiammazione batterica, le cause più comuni sono i batteri della flora intestinale e le malattie a trasmissione sessuale.

Altri motivi da considerare sono:

    Reazioni autoimmuni Irritazione chimica Disturbi della minzione Alta pressione sanguigna Deflusso inverso al canale della prostata.

A causa delle cause non completamente conosciute e del meccanismo di formazione della malattia descritta, i principi del suo trattamento al momento attuale non sono chiaramente definiti.

Indipendentemente dal risultato della coltura delle urine, la terapia inizia con l’applicazione Antibiotici fluorochinolonici, durata Almeno 6 settimane.

Sebbene questo trattamento sembri normale, è efficace. Inoltre, sono spesso inclusi anche farmaci anti-infiammatori non steroidei (antinfiammatori e analgesici attivi) e, in connessione con la teoria della pressione intra-arteriosa elevata, vengono spesso usati i bloccanti alfa-adrenergici, in particolare la tamsulosina uroselettiva, sulla quale si basano le più grandi speranze.

Ci sono anche rapporti sull’efficacia della finasteride e alcune erbe medicinali.

Più recentemente, negli Stati Uniti, è stato sviluppato un nuovo metodo di trattamento della prostatite, Rezum.

Alcuni dati sul metodo:

    Procedura minimamente invasiva. Il vapore è usato per eliminare l’infiammazione della prostata. Alleviare i sintomi senza farmaci o interventi chirurgici.

La tecnologia Rezum è la prima nel suo genere. Grazie all’utilizzo del vapore acqueo, questa procedura minimamente invasiva riduce notevolmente i sintomi dell’adenoma prostatico.

Prima e dopo Rezum

Alla fine del 2016, la FDA ha approvato la tecnologia Rezum come trattamento per la prostatite. La Clinica di Urologia a San Antonio è stata una delle prime strutture mediche negli Stati Uniti ad essere certificata per la terapia, ed è ora nel gruppo di 55 istituzioni mediche in cui la malattia descritta è trattata con vapore acqueo.

Per molti anni negli Stati Uniti, i principali metodi di trattamento della prostatite sono stati i farmaci e la chirurgia. In questo contesto, Rezum è diventata una nuova opzione per i pazienti che non sono stati aiutati dal metodo di trattamento standard. Sfortunatamente, al momento, questa tecnologia in Russia non è stata ancora approvata. Il trattamento farmacologico (terapia antibiotica) è più comunemente usato per i nostri pazienti e la chirurgia è meno comune. L’uso di antibiotici in molti casi non è meno efficace.

La terapia viene effettuata in un’unica visita Non c’è bisogno di un uso regolare..

Durante il trattamento con Rezum viene applicata una piccola quantità di vapore, che viene inserito nella ghiandola prostatica con un catetere.

Questo processo danneggia le cellule che causano l’ostruzione, riducendo così i sintomi associati alla prostatite:

    Debole flusso di urina. Vescica incompleta. Minzione frequente, soprattutto di notte. Urge improvvise di urinare. Incontinenza. Dolore durante la minzione.

Terapia laser verde

Più recentemente, negli Stati Uniti per il trattamento della prostatite ha iniziato a utilizzare un laser speciale che emette onde luminose con una frequenza pari a 532 nanometri.

La particolarità della tecnica è che il laser raggiunge i vasi che riforniscono l’organo interessato di sangue e li vaporizza. Grazie a tali azioni, tutti i sintomi inerenti alla prostatite scompaiono quasi immediatamente.

La procedura non provoca lo sviluppo di edema.

Ulteriori trattamenti per la prostatite negli Stati Uniti

Oltre ai metodi descritti di trattamento della prostatite, negli Stati Uniti, i seguenti metodi terapeutici sono ampiamente utilizzati:

Terapia antibiotica L’uso di campi ad altissima frequenza. Usa gli ultrasuoni focalizzati.

Ciascuno di questi metodi di trattamento elimina definitivamente la patologia descritta.

About

You may also like...

Comments are closed.