Erbe curative per la prostatite — le proprietà benefiche delle diverse piante

Molte erbe medicinali per la prostatite hanno effetti diuretici, antinfiammatori, antibatterici e analgesici, quindi dovrebbero essere incluse nel trattamento integrato della malattia. Le piante medicinali possono eliminare gonfiore e infiammazione della ghiandola prostatica, alleviando così gli uomini da molti sintomi spiacevoli. Alcune tasse sono mostrate anche dopo il trattamento chirurgico delle malattie della prostata.

Quali erbe sono meglio utilizzate dipende dalla forma della malattia. Ad esempio, le piante con effetti anestetici, antinfiammatori, diuretici e urospici pronunciati sono adatte per il trattamento della prostatite acuta. Nell’infiammazione cronica della ghiandola prostatica è meglio usare le erbe che hanno un effetto disinfettante, tonico, antiossidante.

Alcune erbe possono essere mangiate senza alcun trattamento, altre sono migliori per fare un infuso o un decotto (per la loro preparazione usare piante fresche o essiccate di recente). Il buon effetto ha un bagno generale, clisteri o bagni di sedimento con l’aggiunta di decotti di erbe — dopo di loro si abbassa il dolore e l’infiammazione.

Prezzemolo, pastinaca, radice di zenzero, sedano, cipolla verde, aglio, semi di zucca sono molto utili per la salute dell’uomo. Sono grandi per la prostatite acuta e cronica. Queste piante contengono molto zinco e altri minerali. Rafforzano il sistema immunitario e offrono l’opportunità di affrontare rapidamente la malattia, ma possono essere mangiati crudi.

Suggerimento: Il più efficace nel trattamento della prostatite a base di erbe multicomponenti. Pertanto, per la preparazione dell’infusione o del decotto, è meglio utilizzare diverse piante con un’azione multidirezionale.

Erbe con azione anti-infiammatoria

Quali piante possono aiutare ad alleviare l’infiammazione? In effetti, ci sono molte di queste erbe, ma questo non significa che dovresti berle tutte. Per ottenere l’effetto sarà sufficiente scegliere 1-2 piante e preparare da loro un’infusione o un decotto. L’effetto antinfiammatorio più pronunciato ha:

    Erba di San Giovanni; una successione; camomilla; ortiche; achillea; alpinista serpente; propoli; uva ursina; fireweed a foglia stretta; nardo.

Anche l’effetto anti-infiammatorio pronunciato ha la corteccia di quercia, foglie di betulla e boccioli. Allevia il gonfiore della ghiandola prostatica, a causa della quale la minzione è normalizzata e il dolore è notevolmente indebolito.

È importante! I preparati a base di erbe sono abbastanza efficaci per la prostatite cronica. Tuttavia, in caso di infiammazione acuta della ghiandola prostatica negli uomini, potrebbero essere necessari farmaci del gruppo FANS.

Nell’infiammazione cronica della ghiandola prostatica, le erbe diuretiche sono molto utili. I medici raccomandano di prenderli dopo l’intervento chirurgico per rimuovere l’adenoma prostatico. Mangia le erbe può essere sotto forma di infusi o decotti. Tali piante sono le più adatte:

    portare le orecchie; sorbo; celandine; rosa canina; foglie di cowberry.

Inoltre, dopo l’operazione, vengono mostrate le bevande alla frutta mirtillo e mirtillo rosso. Queste bevande abbreviare il periodo di riabilitazione, alleviare la condizione degli uomini e consentire loro di recuperare rapidamente la loro salute dopo l’intervento chirurgico. Se un uomo si sottoponeva alla resezione transuretrale della ghiandola prostatica — i decotti dalle piante diuretiche e il bere adeguato contribuiscono ad evitare la formazione di una stenosi uretrale.

Le erbe diuretiche sono spesso utilizzate per la prostatite cronica e l’iperplasia prostatica, accompagnate dalla ritenzione urinaria. Favoriscono la minzione e prevengono la ritenzione di liquidi nella vescica.

Erbe con effetto analgesico

Le foglie di lino, menta piperita e dente di leone hanno la capacità di alleviare lo spasmo muscolare liscio. Hanno un effetto rilassante sull’uretra, sulla vescica e sui dotti della prostata. Pertanto, dopo averli prelevati, la minzione viene ripristinata e le sensazioni dolorose diminuiscono.

La peonia e l’erba madre hanno un pronunciato effetto anestetico e sedativo. Oggi in farmacia è possibile acquistare una tintura medicinale di queste piante. Questi fondi meritano buoni medici e uomini.

L’asparago è un analgesico naturale, quindi il decotto di questa pianta aiuta ad alleviare rapidamente il dolore nella ghiandola prostatica. L’effetto analgesico di martinia, arnica, radice di calamo schiacciato.

Fatto! I fiori di camomilla, oltre alla capacità di alleviare l’infiammazione, hanno un effetto diuretico, analgesico, antisettico e antibatterico. Pertanto, devono essere inclusi nella raccolta di erbe per il trattamento della prostatite.

Erbe con azione immunostimolante

Il più delle volte, la prostatite cronica negli uomini si verifica sullo sfondo di un’immunità indebolita. Pertanto, le erbe medicinali che hanno proprietà toniche e immunomodulatorie saranno molto utili. Puoi usare queste piante:

    zenzero; achillea; boro utero; calendula; aloe; Echinacea; Kalanchoe;

Queste erbe sono molto utili da bere dopo l’intervento sulla prostata o su altri organi del sistema urogenitale. Dovresti anche mangiare il limone o aggiungere il succo di limone al decotto medicinale. A causa della forte immunità il corpo sarà in grado di sconfiggere l’infiammazione molto più velocemente e più efficacemente.

Erbe con azione urospica

Alcune erbe medicinali possono rifiutare gli effetti antifungini, antibatterici, antivirali e urospici. A causa dell’inibizione della microflora patogena, prevengono lo sviluppo di disbiosi e aiutano il corpo a liberarsi rapidamente dell’infezione. Queste erbe includono:

In acuta o esacerbazione di prostatite cronica, queste piante possono ridurre rapidamente l’infiammazione. Hanno anche un effetto curativo, rigenerante e rigenerante, grazie al quale contribuiscono a una rapida guarigione.

È importante! Nonostante la capacità di distruggere batteri, virus e funghi, le erbe urosepticheskie non possono sostituire gli antibiotici.

Puoi bere infusi o decotti a base di erbe solo dopo aver visitato il medico, che prescriverà i farmaci necessari. Ciò è particolarmente importante se i sintomi della prostatite compaiono per la prima volta — con un trattamento tempestivo vi è la possibilità di eliminare completamente la malattia.

Di norma, l’infiammazione acuta della ghiandola prostatica negli uomini ha un’eziologia batterica, quindi deve essere trattata con antibiotici. La mancanza di una terapia adeguata può portare allo sviluppo di prostatite cronica. Pertanto, il trattamento deve necessariamente includere i farmaci necessari e la fisioterapia.

Oltre al trattamento principale, sarà utile aggiungere bagni sedentari. Durante la loro condotta, è necessario monitorare attentamente la temperatura dell’acqua — dovrebbe essere nell’intervallo di 36-39 gradi. Dopo le procedure dell’acqua, dovresti sdraiarti sotto una coperta calda. Le erbe più efficaci per la prostatite acuta sono l’erba di San Giovanni, la salvia, la camomilla, l’achillea e il naso. I decotti di questi dovrebbero essere aggiunti al bagno.

Il sollievo dal dolore e dall’infiammazione aiuterà i clisteri terapeutici. Per la loro preparazione puoi usare non solo erbe, ma anche olii, droghe. Prima di mettere il clistere, è necessario pulire l’intestino e la soluzione deve essere mantenuta all’interno per almeno 40 minuti. Nell’infiammazione acuta per la preparazione dei clisteri è meglio usare l’iperico o la corteccia di quercia.

Le tinture alcoliche delle piante medicinali sono estremamente indesiderabili da combinare durante il trattamento con antibiotici o altri potenti farmaci. Questo può portare a conseguenze indesiderabili. Le bevande alcoliche e l’alcol tendono a indebolire l’effetto degli agenti antibatterici.

About

You may also like...

Comments are closed.